yellowbar
Cravatta o maglietta? Che cosa scelgono oggi gli studenti più bravi?

 

La cultura universitaria nella California settentrionale è, chiaramente, grandemente influenzata dalle startup. Questo vale in particolare per le università della cosiddetta Ivy League della costa est, specie per Boston, un centro di startup in fase ascendente.

I dati hanno evidenziato che dalla crisi finanziaria la ricerca di personale per i posti di lavoro nel settore finanziario e delle consulenze manageriali si scontra con una concorrenza più agguerrita da parte delle startup, che tentano di attirare i migliori studenti di queste scuole; e le preferenze degli studenti si stanno gradualmente spostando verso un maggiore interesse per le startup.

Abbiamo incontrato Gabrielle Scrimshaw nel suo campus universitario, dove sta frequentando l’ultimo trimestre di un programma MBA.

“Presso altri istituti di amministrazione aziendale, sempre più persone scelgono percorsi tradizionali. È una cosa contagiosa. Qui tutti vogliono avviare un’azienda”, dice.

I membri della generazione Y, le persone nate tra gli anni ’80 e gli anni 2000, hanno dimostrato di avere delle preferenze alquanto diverse rispetto alle generazioni precedenti. Sono nativi digitali, hanno aspettative alte in termini di impiego e stimano la flessibilità. Per molti esponenti della generazione Y, i valori personali vengono spesso prima di uno stipendio corposo; vogliono inoltre svolgere un lavoro che giudicano significativo, facendo cose che possono contribuire a migliorare il pianeta. Tutte cose che una startup è in grado di soddisfare. E questo cambiamento è ancora più evidente nella California settentrionale.

“Qui tutti fanno le cose a modo loro. Ho vissuto in molti posti ma vivere qui mi dà sensazioni diverse. Ed è difficile da spiegare”, ci ha detto Gabrielle.